Pagine

sabato 9 aprile 2016

Sani belli e in forma

L’acido folico o folato o folacina fa parte delle vitamine del complesso B. Partecipa insieme alla vitamina B12 a molti processi dell’organismo. E’essenziale per la divisione cellulare, poiché è indispensabile per la sintesi del DNA. E’importantissimo nello sviluppo del sistema nervoso del feto. E’essenziale per la salute mentale ed emozionale. Il suo deficit durante la gravidanza è stato collegato a diverse malformazioni neonatali,compresi i difetti del tubo neurale,come la spina bifida. 


Stimola le funzioni del fegato. Una carenza di acido folico viene spesso correlata alla mancanza di memoria e di energi, depresione, all’arteriosclerosi e all’osteoporosi. Nonostante la sua diffusa presenza negli alimenti,la carenza di acido folico è la più comune. Il motivo risiede nelle abitudini alimentari: i cibi di origine animale.ad eccezione del fagato,ne sono carenti,mentre i vegetali,che ne sono ricchi ,non vengono consumati con la stessa frequenza. Inoltre l’alcol e molti dei farmaci comunemente prescritti,come estrogeni,sulfasalazina e barbeturici,interferiscono con la metabolizzazione dell’acido folico che di più è estremamente sensibile e facilmente distrutto dal calore e dalla luce. Il deficit di acido folico compromette tutte le cellule dell’organismo,tuttavia sono quelle a rapida proliferazione,come i globuli rossi e le cellule delle mucose gastrointestinali e genitali le più sensibili. Si ha quindi un rallentamento della crescita,diarrea,insonnia,irritabilità,perdita d’apetito,affaticamento e dispnea. L’anemia provocata dalla carenza di acido folico o di vitamina B12,è caratterizzata da globuli rossi di grandi dimensioni ed è chiamata “anemia macrocitica”. 
Basarsi esclusivamente sulla prsenza di anemia per dimostrare un deficit di acido folico non è tuttavia consigliabile. Il miglior indicatore è il livello di folato all’interno di globuli rossi,anche se si sta affermando come metodo rapido e attendibile, la misurazione dei livelli sierici dell’omocisteina, poichéin assenza di vitamina B12 e di folato, l’omocisteina non può essere riconvertita in metionina. L’acido folico,somministrato in integratore,si è dimostrato efficace oltre che nelle anemie e in gravidanza anche nel trattamento della sprue, idropisia, ulcere dello stomaco, problemi mestruali e contribuisce a migliorare la circolazione e l’acutezza visiva nelle persone anziane. Attualmente se ne stanno studiando le proprietà antitumorali. Gli alimenti a maggior concentrazionedi folati sono:broccoli, asparagi, spinaci, bietola, cavolo riccio, fegato e in minor misura ne sono ricchi i legumi,arance e i cereali integralicereali integralii, arance e i cereali integrali.
Basarsi esclusivamente sulla prsenza di anemia per dimostrare un deficit di acido folico non è tuttavia consigliabile.Il miglior indicatore è il livello di folato all’interno di globuli rossi,anche se si sta affermando come metodo rapido e attendibile,la misurazione dei livelli sierici dell’omocisteina,poichéin assenza di vitamina B12 e di folato,l’omocisteina non può essere riconvertita in metionina.L’acido folico,somministrato in integratore,si è dimostrato efficace oltre che nelle anemie e in gravidanza anche nel trattamento della sprue,idropisia,ulcere dello stomaco,problemi mestruali e contribuisce a migliorare la circolazione e l’acutezza visiva nelle persone anziane.Attualmente se ne stanno studiando le proprietà antitumorali.Gli alimenti a maggior concentrazionedi folati sono:broccoli,asparagi,spinaci,bietola,cavolo riccio,fegato e in minor misura ne sono ricchi i legumi,arance e i cereali integralicereali integralii,arance e i cereali integrali.